Iscriviti alla newslettere delle manuattenzioni

L'idea

generare più valori insieme: sociale, economico, culturale, ambientale

IL BISOGNO

Ci siamo chiesti come la comunità locale, a fianco degli istituti carcerari e degli uffici di esecuzione penale esterna, possa contribuire alla buona riuscita del fine pena accompagnando i detenuti al reinserimento nel tessuto sociale e lavorativo, mantenendo un alto grado di flessibilità e capacità di rispondere ai bisogni di detenuti ed ex detenuti coinvolti e imparando a sviluppando sinergia e comunciazione efficace tra le organizzazioni coinvolte.

LA SOLUZIONE

Si sperimenta in Manuattenzioni una soluzione innovativa e generativa per organizzare la formazione e l’inserimento lavorativo e sociale dei detenuti a fine pena, detenuti in misure alternative ed ex detenuti, risolvendo contemporaneamente 2 problemi: quello del reinserimento sociale e lavorativo a fine pena insieme a quello della difficoltà di far fronte al degrado dei beni pubblici, in particolare degli edifici scolastici.

LE PERSONE

La sperimentazione riguarda un team di 12 promotori e 12 persone a fine pena:

  • 6 in misura alternativa (U.E.P.E Cuneo)
  • 5 in detenzione presso la casa di reclusione a custodia attenuata di Fossano
  • 1 ex detenuto

LE AZIONI

Detenuti ed ex detenuti partecipano al percorso di formazione Manuattenzioni: un corso in 120 ore sulla riqualificazione energetica e bioedilizia (dove le aziende del territorio sono insegnanti in aula) e un corso sicurezza in 16 ore. Sono coinvolti nella gestione del progetto e del cantiere della palestra di via Verdi e nei laboratori creativi e d’incontro con la comunità locale. L’inserimento lavorativo delle 12 persone prevede – per tutti – la proposta di specifiche borse lavoro e tirocini presso la Cooperativa sociale agricola Pensolato e altre aziende del territorio. Le aziende sono invitate in aula e in cantiere per incontrare i 12 partecipanti durante lo svolgimento del corso e del cantiere.

LA SFIDA

Si vuole stimolare un cambiamento culturale rispetto al mondo carcerario su più fronti.


CON LE IMPRESE

Il progetto stimola l’ideazione di azioni a valore condiviso (come nel caso della cooperativa sociale agricola pensolato) e propone inserimenti lavorativi (organizzati dai Servizi al lavoro Cnos-Fap) e momenti d’incontro guidati nel cantiere e del percorso formativo.


CON ENTI E ISTITUZIONI

Il gruppo dei promotori stimola alla sostenibilità degli interventi di riqualificazione dei beni pubblici e la replicabilità del progetto.


CON LA COMUNITÀ LOCALE

Il progetto promuove una riflessione “aperta” intorno alla reclusione e alla progettualità di cura e di vita rispetto alla immobilità della pena.

Manuattenzioni è un progetto pilota replicabile che si svolge a Fossano nel 2017.