Iscriviti alla newslettere delle manuattenzioni

FACCIAMO PRESTO

a creare LAVORO in chiave generativa e solidale

IL SENSO DELL’EVENTO

L’evento nasce in questo fine 2017 dall’esigenza di stabilire un confronto tra tutte quelle realtà che si sono impegnate per cogliere i bisogni sociali e culturali emergenti e giocare un ruolo attivo nella costruzione di una società più coesa e resiliente.

I PROGETTI

Riflettiamo a partire dai 4 progetti che ci hanno messo in gioco nel 2017: quanti valori hanno generato, quante persone e organizzazioni hanno coinvolto: volontari e organizzazioni, detenuti a fine pena, insegnanti, agricoltori e altri. Siamo certi però di poter fare di più attraverso l’incontro con chi, come noi, è attivo nel contrasto alla crisi attraverso azioni solidali, imprenditoriali e di welfare generativo. L’evento ha il senso di condividere, discutere e consolidare apprendimenti, difficoltà, successi e prospettive, nella direzione di cercare ulteriori sinergie affinché il “lavoro creato insieme” sia l’ingrediente fondamentale di percorsi sostenibili e solidali che portano fuori da condizioni di marginalità, vulnerabilità o inattività.

SINERGIE CERCASI

Cerchiamo un confronto aperto tra quanti sono al lavoro come noi e chi elabora le politiche pubbliche e private, nella speranza di creare insieme più lavoro e generare molteplici valori: valore economico, sociale, culturale, ambientale e soprattutto umano.

Perché la democrazia non è una petizione di principio, è una pratica attiva.

I PROMOTORI DELL’EVENTO

Il confronto Open space e la Conferenza sono promossi congiuntamente dai partner dei progetto Manuattenzioni, Pensolato, Museo Social Club, Officina del Possibile e dal progetto “…con Noialtri” della Fondazione NoiAltri (sostenuto dalla Fondazione CRC, Bando Emergenza Povertà). La cena è promossa dalla Cooperativa Pensolato, Caritas Diocesana Fossano e CNOS-Fap.

IL TEMA

Il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento,tormento di non averlo, tormento di fare un lavoro che non serva, non giovi a un nobile scopo.” (Adriano Olivetti)

Il lavoro è una partita persa?

Avere o non avere un lavoro fa la differenza, non solo in termini di reddito, ma anche per sapere cosa si fa al mondo. Nel lavoro l’essere umano esprime le proprie capacità, si misura con la realtà e impara a stare con gli altri. Il lavoro rende liberi di impegnarsi in vista di un risultato, e di dare il proprio contributo per il proprio bene, il bene della propria famiglia, il bene dell’impresa che si guida, di cui si è soci o a cui si fa riferimento, il bene della comunità e delle generazioni future, in una parola il bene comune. Il lavoro rende umani, responsabili e liberi. Siccome il lavoro è fondamentale per la vita delle persone non può essere trattato come una inesorabile partita persa. Non ci si può limitare a dire a chi è senza lavoro, oppure a chi non può lavorare perché in condizioni di detenzione, di avere pazienza.

A partire da questa riflessione è nata una domanda su come alleggerire la sofferenza umana e sociale: la creazione di posti di lavoro può essere il risultato di un’azione corale?

4 PROGETTI A FOSSANO

Nel 2017 abbiamo visto l’avvio di un’azione sinergica tra imprese, enti religiosi e istituzioni pubbliche per allargare la capacità produttiva, grazie all’esperienza Pensolato a Fossano.

L’azione di Sistema – Officina del Possibile – ha ridotto gli sprechi e valorizzato gli scarti. Si tratta di una idea consolidata della Fondazione di partecipazione di Fossano (NoiALTRI).

Un’idea radicalmente nuova, come le Manuattenzioni, sta sperimentando soluzioni sui Beni Comuni per ottenere ricadute positive d’investimento sulla qualità del sistema formativo, a vantaggio della collettività, insieme al reinserimento di detenuti a fine pena.

Il Museo Diocesano di Fossano – con il Social Club – ha accettato la sfida sociale, scommettendo sulla “virtù rivoluzionaria della cultura che dà all’uomo il suo vero potere e la sua vera espressione” (A. Olivetti).

DOVE, QUANDO E COSA

Venerdì 24 novembre 2017, via Verdi 22
ISCRIZIONI E PRENOTAZIONI:
https://facciamopresto.eventbrite.it

(evento gratuito)


Ore 14,30 – 17,00 OPEN SPACE: Come possiamo riuscire a creare più lavoro generando molteplici valori?

Dialogo tra operatori (Open Space Technology)
INFO: info@manuattenzioni.it


Ore 17,00 – 19,30 CONFERENZA:

Modera Carlo Turco (Giornalista), Roberto Canu (Psicologo Sociale) presenta i progetti e gli esiti dell’open space. Interventi di:

LAVORO, FINE PENA E BENI COMUNI
Bruno Mellano, Garante regionale dei detenuti e delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà
Domenico Arena, Dirigente Ufficio interdistrettuale Esecuzione Penale Esterna Torino e Laura Bottero, Dir. U.E.P.E. Cuneo
Giuseppina Piscioneri, Dir. Casa di reclusione di Fossano

LAVORO E AGRICOLTURA SOCIALE
Andrea Olivero, Vice Ministro alle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (IN ATTESA DI CONFERMA)
Mino Taricco, Gr. PD Camera, Vicepresidente Commissione Bicamerale per la Semplificazione
Delia Revelli, Pres. Fed.ne reg.le e prov.le (CN) Coldiretti
Piero Delbosco, Vescovo Diocesi di Cuneo Fossano
Cristina Ballario, Ass. Politiche del lavoro e Agricoltura, Fossano

LAVORO, WELFARE E TERRITORIO
Chiara Gribaudo, Vicepres. Gr. PD Camera, Resp. Lavoro
Gianpiero Piola, Pres. Monviso Solidale
Antonella Ricci, Resp. Settore Politiche Sociali, Compagnia di San Paolo
Andrea Silvestri
, Dir. Generale Fondazione CRC
Gianfranco Mondino, Pres. Fondazione CRF


Ore 20 CENA DEL PENSOLATO

INFO E PRENOTAZIONI:
caritasfossano@gmail.com
lun., mar., giov. e ven 8,30 – 12,30 Ufficio Caritas Fossano in via Vescovado 12